Vajont

Ore 22:39 del 9 ottobre 1963.

Nel neo-bacino idroelettrico artificiale del Vajont, a causa della caduta di una colossale frana dal soprastante pendio del Monte Toc (stimata attorno ai 260 mln di mq di ghiaia e terra), nelle acque del sottostante e omonimo bacino lacustre alpino avviene un imponente tracimazione dell'acqua contenuta nell'invaso, con effetto di dilavamento delle sponde del lago, ed il superamento della diga, provocarono l'inondazione e la distruzione degli abitati del fondovalle veneto, tra cui Longarone.

La morte di 1.917 persone (tra cui un bimbo di soli 21 giorni fino a  Amalia Pancot di 93 anni) rendono ora questi luogi, un luogo di memoria.

Seguimi

@scrittorediricordi

"scrittorediricordi" 

messi in luce

 

 

SEI IL VISITATORE N°:

 

 

Stampa Stampa | Mappa del sito Consiglia questa pagina Consiglia questa pagina
© Gregorio Fedele WWW.SCRITTOREDIRICORDI.IT